Domenico Cascone MiMeZzZ®

Blogger, ghostwriter, social media and communication manager. Blog a cura di Domenico Cascone sulla Politica, la Cultura, l'Informazione, il Turismo e gli Eventi a Sant'Egidio del Monte Albino

Archivio per febbraio, 2011

Nuovo Campetto di calcio a Sant’Egidio: “promessa mantenuta”.


16 febbraio 2011 – Sant’Egidio del Monte Albino(SA)_di Domenico Cascone. Si è tenuta nella mattinata di martedì 15 febbraio la cerimonia di inaugurazione ufficiale del nuovo Campetto di calcio di via Leopardi, adiacente alla Scuola elementare ubicata nel Centro storico di Sant’Egidio del Monte Albino (SA). A fare gli onori di casa il Primo Cittadino Nunzio Carpentieri, un folto gruppo di Consiglieri dell’attuale amministrazione comunale ed il Dirigente del plesso scolastico prof. Diodato Attianese. Dopo il taglio del nastro tricolore all’ingresso da parte delle Autorità presenti, il fischio di inizio è stato eseguito da Padre Massimo Staiano, la cui toccante omelia ha subito scatenato il forte applauso sia di tanta gente comune che degli alunni della Scuola via Leopardi, accomodati per l’occasione ai bordi del campetto con in mano piccole e sventolanti bandiere tricolori. “Nonostante i disagi ed i tagli per la Scuola e l’Università su scala nazionale, – ha pubblicamente confessato al centrocampo il prof. Attianese durante il suo discorso introduttivo – sono orgoglioso di ammettere che per l’attuale amministrazione comunale l’istruzione non è un’inutile spesa, bensì un investimento intelligente. Siamo ancora una volta orgogliosi della nostra Scuola e fortunati di abitare a Sant’Egidio del Monte Albino”. Passata la palla, il Primo Cittadino, presente nella duplice veste di Sindaco e Assessore provinciale all’Edilizia Scolastica, non ha atteso a presentare, nome per nome, la sua squadra vincente affermando con vigore che “[…] un uomo che lavora dietro le quinte e poco amante del protagonismo, il Consigliere comunale Giuseppe Ruggiero, si è impegnato a raggiungere tale obiettivo affinché tutta la comunità ne possa usufruire; – ed ha continuato – con qualche mese di ritardo, abbiamo creato una struttura sportiva attrezzata e moderna di circa €100.000 a pochi passi dal Centro storico di Sant’Egidio del Monte Albino. L’amministrazione guidata da me ha mantenuto la promessa, ha mantenuto la promessa!”. Nonostante l’antistrofe (figura retorica che consiste nella ripetizione delle stesse parole alla fine di più frasi o versi consecutivi, ndr), tuonano, dunque, nuove espressioni di orgoglio e di potenza dalle parole del Capitano Nunzio Carpentieri sul presente, ma anche sul futuro del borgo pedemontano, il quale “[…] diventerà ancor più vivibile dopo il termine di alcuni lavori di ammodernamento su alcune delle principali arterie stradali, mediante la rimozione forzata delle autovetture dal Centro storico cittadino ed alla sosta coatta nelle aree di parcheggio in costruzione”. Tattica o fantasia? In entrambi i casi, un ottimismo di misura che per ora gli è valso applausi e complimenti dal pubblico compiacente. D’altronde, il Campetto sarà a disposizione degli alunni della Scuola elementare, ma anche dei cittadini santegidiani e non che vorranno cimentarsi con lo sport più amato e giocato al mondo. Secondo la direttiva degli Uffici Tecnici comunali, infatti, sarà una nuova Associazione, la privata “A.D.S. Sant’Egidio” del Presidente Giovanni Ferraioli, a provvedere alla gestione ed all’organizzazione della nuova struttura sportiva, nonché alla manutenzione, alla pulizia del manto erboso, al decoro dei pubblici spogliatoi. Insomma, ancora una joint venture, una “triangolazione di precisione” in moderno gergo calcistico, tra pubblico e privato, in un’ottica di continua promozione e fruizione del territorio in cui si abita e si vive; ed un altro goal a favore della città di Sant’Egidio del Monte Albino. Ma se si vuole chiudere la partita, dalla squadra del Capitano Carpentieri si attendono per i prossimi mesi azioni più acrobatiche, ancor più a perdifiato, con il fine di segnare altri punti a favore della cittadinanza, altrimenti si rischiano i fischi e le assenze dei tifosi anche se si gioca in casa: palla al centro, si ricomincia!

“Amici di Sant’Egidio”, amici del territorio.


07 febbraio 2011 – Sant’Egidio del Monte Albino(SA)_di Domenico Cascone. Quando Mast’Aniell’ fantasticava di creare un comodo spazio per potersi riunire con i suoi amici, per dialogare, per guardare la TV, per raccontare qualche scorcio di vita passata oppure per scambiare qualche opinione sulla presente realtà cittadina, di certo già pensava all’istituzione di una nuova Associazione. Ed il sogno di quell’uomo di oltre 70 anni, tale Aniello De Rosa, già cittadino attivo sul territorio e Socio della Pro Loco di Sant’Egidio del Monte Albino, di colpo è diventato realtà: l’Associazione “Amici di Sant’Egidio”, nome e statuto creati ex novo grazie alla collaborazione del Consigliere delegato alla Cultura ed alle Iniziative della Pro Loco di Sant’Egidio dott. Alfonso Tortora, è stata inaugurata il 6 febbraio scorso presso il grande Centro Diurno ubicato in via Pulcinella nel Centro storico di Sant’Egidio del Monte Albino (SA), già sede della Scuola materna di via G. Leopardi e dell’Ente turistico locale. Oltre a Mast’Aniell’, pronti al taglio del nastro tricolore il Sindaco Nunzio Carpentieri, il Consigliere Comunale sig. Giuseppe Ruggiero, il Dirigente del plesso scolastico di via G. Leopardi prof. Diodato Attianese, e ovviamente, il Presidente dell’Associazione sig. Giuseppe Riccio. Grazie allo sforzo di tutti, “[…] la nascita di nuove associazioni sul territorio è sempre il segnale di un tessuto sociale vivo e dinamico, – ha commentato colmo di entusiasmo il Primo Cittadino di Sant’Egidio del Monte Albino – che fonda il proprio sentirsi comunità su valori fondamentali come la solidarietà e la partecipazione. Ecco perchè – ha continuato durante il suo discorso inaugurale – abbiamo voluto con convinzione sostenere questa iniziativa”. Ancor più energiche son sembrate le parole del prof. Attianese, che ha evidenziato l’importanza unità alla necessità di associazioni del genere sul territorio; inoltre, ha ricordato agli invitati l’assoluta disponibilità del dialogo su questioni come la Scuola e l’istruzione con Carpentieri, lì presente nella duplice veste di Sindaco e Assessore provinciale all’Edilizia Scolastica. Di certo, riunire prima e terza età, i bimbi della scuola materna e gli anziani, in un pubblico spazio come il Centro Diurno dove è già ubicata la Pro Loco cittadina, è un segnale di cooperazione civile e convivenza sociale davvero forte; un gesto, cioè, che riesce persino a comprendersi meglio quando si legge il sottotitolo che l’insegna della “giovane” iniziativa riporta: “Associazione Culturale e di Solidarietà Sociale”, come se si volesse intendere “nonostante l’età, gli anziani hanno creato qualcosa per Sant’Egidio del Monte Albino, speriamo che rimarrà con le future generazioni!”. Di certo, meriterebbe un capitolo a parte la cooperazione attiva tra diversi gruppi sociali di cittadini presenti sul territorio ed i giovani, che al momento stanno a guardare, nonchè il coordinamento di questa innovativa attività nel tradizionale tessuto associativo locale. Ma il futuro può attendere! Intanto, Mast’Aniell’, vice-presidente dell’Associazione, non pensa a convenevoli, a pompose cerimonie, a taghe di riconoscimento ed a strette di mani: sarà sempre lui a fare gli onori di casa, a portare avanti i principi ispiratori (leggasi l’Art. 3 dello Statuto: “L’associazione è apartitica e si informa ai seguenti principi ispiratori: assenza di fini di lucro, anche indiretto, carattere esclusivamente volontario”), nonché eseguirne le finalità (leggasi l’Art. 4 dello Statuto: “l’associazione ha finalità di solidarietà sociale, umana, civile e culturale”) ed a trasformare insieme ad i suoi “Amici di Sant’Egidio”, solo come operano le vere associazioni, quei discorsi senza impegno, le “chiacchere” da cerimonia appunto, in serie e concrete azioni per il territorio e la sua gente.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: